Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Caro Letta, “fai almeno come Monti”. Perché le famiglie cattoliche, a volte, scalpitano

Caro Enrico, almeno fai come Mario, “ci sembra veramente il minimo”. Enrico fa di cognome Letta e Mario è Monti. Il Forum delle famiglie, associazione tra le più ascoltate nel mondo cattolico, nelle ore precedenti il varo della Legge di stabilità, mette le carte in tavola col Presidente del Consiglio. “Ogni aumento delle detrazioni per i familiari a carico – è il messaggio- si tradurebbe da subito in un aumento dei consumi delle famiglie, variabile decisiva per rimettere im moto il sistema economico. Dunque, coraggio. “Spazi di manovra ce ne sono, senza dover stravolgere il deficit pubblico o sforare i limiti imposti dall’Europa”, ha detto Francesco Belletti, presidente del Forum. “Ma occorre una decisione politica consapevole e coraggiosa a favore della famiglia. E almeno confermare le scelte del governo Monti ci sembra veramente il minimo”.

Per Letta e il suo governo, già assediato dai veti incrociati sulla manovra che dovrà disegnare il profilo economico del 2014 e non solo, il problema non è di poco conto. L’esecutivo si regge su un accordo stretto e trasversale che lega le componenti cattoliche di Pd, Pdl e Scelta civica. Basta citare quattro nomi: lo stesso Letta e i ministri Lupi, Mauro e Lorenzin, il nocciolo duro del “governo di sussidiarietà nazionale” (Letta e Lupi sono i co-fondatori dell’intergruppo parlamentare per la sussidiarietà), con il vicepresidente del Consiglio Angelino Alfano che è anch’egli molto vicino a questo gruppo.

Un mese fa, di fronte alla platea torinese della Settimana Sociale dei cattolici italiani, Letta aveva definito le famiglie “un argine alla crisi”, riconoscendo loro un ruolo decisivo. E qualche giorno più tardi è stato il presidente della CEI cardinale Bagnasco a rilanciare la proposta del FattoreFamiglia del Forum: “rappresenterebbe non una elargizione ma un riconoscimento e una sorta di restituzione di quanto la famiglia produce in termini di interesse generale”.

Nel 2012 il Governo Monti stanziò 2 miliardi a sostegno delle famiglie con un aumento delle detrazioni per i figli a carico. Perché, chiede ora il Forum, non proseguire in questa direzione stanziando una somma simile per ulteriori misure, magari intervendo sul testo unico delle imposte per aumentare le detrazioni? Comunque, almeno Letta faccia come Monti, “è il minimo”.

Vezzeggiate e rassicurate da tutti nelle campagne elettorali e nei convegni (e poi rapidamente dimenticate, questa è un po’ la regola), le famiglie cattoliche chiedono a Letta più impegno ricordando quello del suo predecessore a Palazzo Chigi. Vedremo quale sarà la risposta, ma non crediamo che al premier il richiamo “ fai almeno come Monti” sia piaciuto troppo.