Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sì, Renzi è un panzer e il centrodestra un semovente che cade a pezzi. Da reinventare da zero

 Sul “centrodestra da reinventare”, la mia risposta al lettore Rino Cardellini pubblicata oggi a pag.24 del Sole 24 Ore

Gentile Guido Gentili,

va bene che Matteo Renzi  è un panzer che tutto divora e/o azzera, ma è possibile che l’Italia non riesca ad avere un centrodestra normale, europeo ed eleggibile? Lei crede a una riedizione della solita alleanza (tattica) tra Forza Italia e Lega nord? Possibile che, leadership salviniana a parte, la parte destra dello scenario politico sia sostanzialmente immutata da più di vent’anni? Ci ha provato Mario Monti a fare qualcosa di diverso, almeno al centro. Ora ci prova Corrado Passera. Insomma, quando vedremo qualcosa di veramente nuovo e credibile sul fronte liberal-liberale, vista la grande novità su quello liberal-progressista?

 Rino Cardellini, Settimo Torinese

Sì credo che Renzi (ultimo il caso dell’elezione del Presidente  Mattarella) sia un panzer. E contro un panzer che fa politica ad una velocità fin qui sconosciuta un semovente che cade a pezzi – questo è oggi il centrodestra- non può nulla. Inutile rispolverare il passato, indietreggiare a vent’anni  fa, quando un rampante Berlusconi s’inventò un’alleanza con la Lega di Bossi, gli ex missini di Fini e i nuovi  centristi di Casini. Oggi una simile prospettiva non c’è più e prevalgono, appunto, tatticismi affannati sui quali Renzi maramaldeggia. Ritengo –nel contesto di una nuova legge elettorale, l’Italicum, fini qui votata anche da Forza Italia, che afferma una logica pienamente bipolare- che il centrodestra vada reinventato da zero, direi prima di tutto sul piano culturale. Con le idee nuove arriveranno anche le facce nuove e quelle vecchie,  un misto tra ringhiosità di giornata, pensierini  insulsi per i tg e sorrisi pre-stampati, se ne andranno. Però, parliamoci chiaro. Il primo a capirlo, che poi è l’unico che al momento potrebbe fare (e non fare) in concreto  qualcosa, dovrebbe essere proprio Berlusconi, cioè il vecchio leader sulle cui fortune e rovinose cadute s’è prima affermato e poi disintegrato il centrodestra. Dubito che ne abbia la forza e la voglia. Non vedo neanche in giro giganti della strategia politica per un centrodestra credibile, “europeo ed eleggibile” come scrive lei. Monti ha sbagliato partita.  Passera è molto ambizioso, punta a riunire sotto la sua bandiera il nuovo centrodestra liberal-liberista ma, solo per cominciare, non scalda i cuori (che alla fine vogliono dire voti). Salvini è sì un Matteo ma non è un panzer, e chissà mai se lo diventerà  (e su quali basi , perché un “padanocentrismo” , ancorché smart, non porta lontano).  Insomma, oggi il centrodestra è un deserto ed è un problema oggettivo, perché ad un sistema democratico maturo s’addice la concorrenza. Tanto più se in circolazione c’è un panzer.

twitter@guidogentili1